Menu Home

Storia autentica tra fantastici dinosauri e superamento del pregiudizio

Avviso ai naviganti: Tutte le schede di queste recensioni saranno concluse anche da un Nota Bene (NB, NDA), dove indicherò la fonte per il relativo Audiolibro o dove ho ascoltato l’opera, se non specificato espressamente che si tratta di una lettura da cartaceo o e-book.

Apriamo in bellezza questa sezione dedicata alla recensione di libri che, specifico, non segue nessuna logica editoriale, bensì solo gusti e preferenze personali, quindi non meravigliatevi che vi siano anche recensioni riferite ad opere classiche o di non fresca pubblicazione.

Il libro

“Mio fratello rincorre i dinosauri. Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più” di Giacomo Mazzariol – Einaudi – 176 pagine – Storia vera/biografia –

Trama

Hai cinque anni, due sorelle e desidereresti tanto un fratellino per fare con lui giochi da maschio. Una sera i tuoi genitori ti annunciano che lo avrai, questo fratello, e che sarà speciale. Tu sei felicissimo: speciale, per te, vuol dire “supereroe”. Gli scegli pure il nome: Giovanni. Poi lui nasce, e a poco a poco capisci che si, è diverso dagli altri, ma i superpoteri non li ha. Alla fine scopri la parola Down, e il tuo entusiasmo si trasforma in rifiuto, addirittura in vergogna. Dovrai attraversare l’adolescenza per accorgerti che la tua idea iniziale non era così sbagliata.

Recensione

Tra le ultime opere lette, non posso negarlo, è una di quelle che mi ha più entusiasmato. L’autore racconta con semplicità una storia vera, la sua, quindi profondamente autentica.

Questo libro parte da un video caricato su Youtube, che potete vedere qui

e questo video casalingo, se vogliamo, parte da una delle operazioni più difficili, che non tutti siamo in grado di fare, ovvero demolire il pregiudizio e le paure della diversità.

Il giovane Giacomo, protagonista assieme al fratello Giovanni (affetto dalla sindrome di Down), infatti compie un’operazione di introspezione, attraverso la sua adolescenza e prima giovinezza, dove di solito non si è attenti alla diversità in quanto tale, la si può accettare o rifiutare con processi molto sfuggenti. Ma questo non può capitare se la diversità te la ritrovi nel quotidiano in veste di fratellino pestifero e con una disarmante innocenza.

Molto interessante, oltre alla descrizione del vissuto di Giovanni, risulta anche l’introspezione attraverso vari sentimenti dello stesso autore, che in prima persona ci guida nel suo processo di maturazione, tutto incentrato al superamento della paura di parlare di questo fratello “speciale” e di eliminare il pregiudizio dal suo orizzonte esistenziale.

Da poche settimane è uscito anche un film, che spero presto di poter recensire sulle pagine di OpposteVisioni, che già riscuote un certo successo, come potete leggere Qui. Un libro che consiglio a tutti proprio per la sua semplice e dirompente capacità di guidarci attraverso il percorso di superamento dello stigma della disabilità psichica, spesso vista come un macigno nelle esistenze delle persone e delle famiglie, invece molto frequentemente è una bella risorsa, soprattutto se ognuno si muove armoniosamente con gli altri componenti del nucleo familiare per il benessere di tutti; a tal proposito, tra le pagine segnalo l’implicita bellezza delle personalità delle due sorelle di Giacomo, un vero portento.

Note d’ascolto

Ho ascoltato quest’opera per viva voce dell’autore tramite Storytel, piattaforma che sto imparando ad apprezzare. Potete ascoltare l’audiolibro Qui.

Categorie:TV&radio

Tagged as:

Alessandro Napoli

Libero e con l’aspirazione viva di appassionare ai temi trattati con un dirompente fiume di parole, frutto del pallino per la comunicazione scritta.
Redattore e sostenitore di www.radio32.net scrivo per il webmagazine www.sinapsimag.it

1 reply

  1. Non posso negare che leggere questo libro mi ha catapultata in un passato rimosso e lontano con tue le sue emozioni, belle e brutte.
    Ho capito che non tutti hanno gli stessi mezzi e le stesse capacità per affrontare le situazioni che la vita ci butta addosso. Meravigliosi i genitori di questa meravigliosa famiglia. Meravigliosi e puri, senza filtri, i sentimenti del narratore che, grazie alla sua immensa capacità analitica ha saputo mettersi in discussione. Capacità, quest’ultima, purtroppo non da tutti.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: