Menu Home

Il reggae e il suo Re. Una Storia in levare.

Bob Marley. @Pinterest

Premessa

Per la categoria “La musica che gira intorno” vi propongo questo ricco pezzo, anche se molto riduttivo rispetto alla quantità di materiale presente in rete, su un genere che amo molto e che molto è servito per la mia crescita personale, oltre che per il suo rappresentante massimo e tutta la scena musicale che gira attorno. Complessivamente il reggae, Bob Marley e tutti gli artisti citati di seguito abbracciano sessant’anni di storia della musica e tra loro ve ne sono alcuni, al di là dello stesso Re del reggae, che hanno fatto la storia della musica a livello internazionale. Il mio consiglio in premessa è di rilassarvi, prepararvi ad una lunga carrellata di brani e, se non avete tempo ora, di salvare questo post tra i preferiti e leggerlo poi con calma, perché si tratta di un viaggio bello e lungo nella musica giamaicana.

Lo spunto per quest’excursus storico, e sonoro, mi è stato offerto dal 39° anniversario della morte di Bob Marley dell’11 maggio scorso. In premessa specifico che questo lavoro non ha nulla di ufficiale né aspira alla perfezione; come per altri lavori del genere, caratterizzati da molti contenuti, ma un intento divulgativo.

Una curiosità

Iniziamo da una curiosità , legata al suo nome. Molto spesso questo genere musicale viene associato ai capelloni, magari anche drogati, e comunque disprezzato per la potenza del messaggio che si porta dietro. Ed in effetti nasce sotto il segno della discriminazione; il nome Reggae infatti è dispregiativo, coniato dagli inglesi per deriderlo. Quando si sviluppa, cercando di definire la sua sonorità, non si era ancora trovato un nome per questa nuova forma musicale e molti dissero che suonava come “ragga”, cioè grezzo, rozzo, vecchio. Il nome presto muta in “raggay”, e poi in reggae.

Patrimonio di tutti.

Ma al di là delle maldicenze e delle originarie discriminazioni , esso si affermò rapidamente, divenendo patrimonio culturale per tutta l’umanità. Il reggae, infatti, dal 29 novembre 2018 entra nei Patrimoni orali e immateriali dell’umanità UNESCO., vedendo così riconosciuta la sua importanza a livello mondiale come genere musicale condiviso ad ogni latitudine e tra le generazioni.

Genesi, caratteristiche ed evoluzione

@google

Il Reggae vede in sé racchiusa l’esperienza di vari generi musicali (Jazz, Rhythm & blues, Gospel, Soul) e si sviluppa in Giamaica a partire dalla seconda metà degli anni Sessanta, più precisamente tra la fine del 1967 e il primo 1968. Viene prevalentemente suonato con gli strumenti tipici delle band dell’epoca (come chitarra, basso, batteria, tastiera, organo), ma nel tempo i vari gruppi hanno integrato anche percussioni africane e tutta una gamma di strumenti etnici, a seconda del luogo dove quel determinato gruppo produce musica. Il picco massimo di popolarità a livello mondiale venne raggiunto negli anni settanta, in particolare con il sottogenere roots reggae, ma tutt’oggi gode di un vasto pubblico soprattutto nelle sue forme più moderne come la dancehall, Calypso o reggaetom. Ma andiamo per ordine e vediamo le principali tappe della sua genesi.

Guardando agli anni sessanta, uno dei generi che fu alla base del reggae è lo ska,ispirato all’R&B, ascoltato dai giamaicani dalle radio statunitensi che all’epoca da Florida e New Orleans trasmettevano con potenza tale da raggiungere il territorio dell’isola caraibica. Con l’aggiunta del ritmo in levare, lo ska fu la reinterpretazione dell’R&B in Giamaica, nato per ballare con i suoi ritmi frenetici, risultando molto popolare durante gli inizi degli anni sessanta; ben presto altre influenze arrivarono dal jump blues e da differenti stili caraibici come il jazz afrocubano, big band swing e altri ritmi. Un esempio per tutti della vitalità dello ska è questo brano del gruppo The Skatalites proprio dell’anno dell’indipendenza giamaicana.

@google

Lo Ska infatti accompagnò la fine del colonialismo inglese, concretizzatasi con l’indipendenza della Giamaica il 6 agosto 1962, risultando così il tramite per esprimere l’ottimismo e le speranze del popolo. Proseguendo nelle tappe storiche di avvicinamento al reggae, dobbiamo registrare che l’estate del 1966 fu una stagione particolarmente calda, tale da rendere difficoltoso suonare e ballare lo ska; sia i dj con i loro sound system sia i musicisti strumentali decisero così di rallentare il ritmo, dando alla luce il rocksteady, caratterizzato da suoni più caraibici e una maggiore presenza della sezione ritmica. Molti sostengono che il nome fu ispirato da questo brano di Alton Ellis

musicista all’epoca molto popolare in Giamaica; i testi del rocksteady divennero socialmente e politicamente più maturi rispetto allo ska e le sonorità divennero particolarmente armoniose. Per questo, in un certo senso, rappresentò il trampolino di lancio per il reggae, che diventò la musica più seguita dopo il suo declino – anche se non scomparve del tutto – avvenuto alla fine degli anni sessanta. Alla fine del decennio, infatti, interviene l’elemento fondamentale per la svolta rappresentato dai produttori dei principali studi di registrazione, che vollero cambiare nuovamente l’approccio della musica giamaicana. Durante l’epoca del rocksteady i maggiori produttori continuarono a dominare il music business in Giamaica, ma ad un certo punto intercettarono il gusto del pubblico, ormai stanco di un ritmo così lento e desiderosi di qualcosa che fosse più ballabile e senza per questo perdere lo spirito di una musica vicina alle persone. Il nuovo genere che andava emergendo presentò, al contrario del rocksteady, un ritmo dall’andamento più spezzato e convulso, e rispetto al rock con la caratteristica peculiare di invertire il ruolo di basso e chitarra, con il primo molto più dominante. Giungiamo dunque alla fine del 1967 all’”early reggae”, chiamato così in seguito per distinguerlo da altre forme successive. Esso si caratterizzò per molteplici sfumature. Oltre alle sonorità tipiche dello ska e del rocksteady, erano presenti forti influenze soul, supportate da nuove introduzioni strumentali come l’organo. Anche gli spunti armonici risultano variegati ed originali. La diffusione del reggae venne decretata da gruppi come Beverleys All Stars e brani come questo,

caratterizzati da robuste linee di basso, chitarra in levare, la batteria in rimshot (ovvero un colpo dato prendendo sia la pelle del rullante sia il bordo in metallo) e, come nel rocksteady, fiati meno presenti. Prima di allora il termine “reggay” era usato per descrivere una danza in voga in Giamaica e non era associato allo specifico stile oggi diffuso; generalmente si attribuisce ai Toots & The Maytals il merito della diffusione del termine con la pubblicazione nel 1968 del brano “Do The Reggay”.

Di solito, il termine Reggae viene usato per definire diversi tipi di musica giamaicana, tra cui in maniera molto generica anche ska e rocksteady, o veri e propri sottogeneri come dub o dancehall. Inizialmente, la musica giamaicana era un fenomeno del ghetto, ed era spesso associata alla violenza e alle gang di teppisti, ma l’album di Jimmy Cliff (figura fondamentale per la sua diffusione) Wonderful World Beautiful People del 1969 unì il reggae con la filosofia “pace e amore” degli hippie.

Il reggae dagli inizi degli anni settanta andò associandosi al movimento rastafari, fortemente influenzato dai musicisti di quel decennio e del successivo. Tuttavia, gli argomenti trattati nei brani reggae erano lontani dalla religione rastafari, proprio perché da un certo punto in poi i temi dominanti erano l’amore, la sessualità o aspetti sociali. Da notare anche come i rastafari non prendevano parte alla vita sociale della Giamaica, preferendo vivere isolati e conducendo un’esistenza semplice e al contatto con la natura, scandita da precise regole religiose e comportamentali. Ma le difficoltà sociali che affrontò l’isola in quel periodo, quando si registrarono disoccupazione, crimini e violenze, spinsero le nuove generazioni cresciute dopo l’indipendenza a reagire con l’arma più potente di cui disponessero, ossia la musica. All’alba del decennio considerato un largo numero di essi abbracciò la religione rastafari, non solo come manifestazione di ciò che volevano ottenere dal governo, ovvero pace, amore e lotta alla corruzione, ma volendo rappresentare un alternativo stile di vita nella società giamaicana, logorata dalla povertà. Fu proprio quando gli artisti reggae cominciarono a convertirsi al rastafarianesimo che gli elementi tipici afro-giamaicani divennero allora il tema centrale come simbolo d’identità e orgoglio. Da qui in avanti emerge la figura del Re del Reggae Bob Marley e del gruppo dei The Wailers, già attivi sulla scena musicale rocksteady, facendo poi da tramite tra questa religione e il resto del mondo attraverso il nuovo stile giamaicano. Il lato grezzo e selvaggio dei primi ritmi reggae scomparve e all’inizio degli anni settanta emerse il roots, evidenziando nelle canzoni temi legati alle radici africane di gran parte del popolo giamaicano.

Bob Marley: la leggenda

@google

Robert Nesta Marley, nome vero di Bob, nasce il 6 Febbraio 1945 sulla costa Nord della Giamaica dal frutto della relazione tra Norman Marley, capitano dell’esercito inglese, e Cedella Booker, giamaicana. Bob Marley visse da povero ed orfano, aspetti che risultano la chiave di lettura per capire una sensibilità poetica fuori dal comune. Si fece portavoce di due concetti fondamentali del credo rasta: da una parte l’odio verso Babilonia, ossia il mondo occidentale bianco, in contrapposizione con l’Etiopia, terra madre che un giorno accoglierà la gente di Jah (il Dio rasta); dall’altra il contrasto verso la cultura imposta dal regime politico egemone in Giamaica. Le basi musicali del giovane Marley si fondano sul rock di Elvis Presley, il soul di Sam Cooke e Otis Redding e il country di Jim Reeves; inizia a fare musica con una chitarra autoprodotta, che gli sarà fedele fino all’incontro con Peter Tosh, che ne possedeva una acustica vecchia e scassata. I due, assieme a Neville O’Riley Livingston, costituiscono il primo nucleo dei Wailers (coloro che si lamentano).

Da li in avanti la musica di Marley entra in simbiosi con la storia del suo popolo, fino a divenirne ambasciatore artistico dagli anni settanta in poi. La notorietà dell’artista e la sua figura di guida spirituale inizia grazie al fiuto di Chris Blackwell, fondatore della Island Records, principale esportatore di reggae nel mondo. Per veicolare il reggae dei Wailers fuori dalla Giamaica si pensò di “occidentalizzare” il suono con l’uso delle chitarre e accenni rock nella sua musica, non tanto da snaturarne il messaggio, considerato che per i giamaicani il reggae è uno stile che vuole condurre alla liberazione del corpo e dello spirito, musica impregnata di un profondo misticismo insomma. Un esempio di questa fase della produzione musicale di Bob Marley è “Catch a Fire”, album del 1973.

Sulla fine degli anni Settanta Bob Marley e i Wailers affermarono il loro successo prima con “Babylon By Bus”

(registrazione di un concerto a Parigi), poi con “Survival”.

In quel periodo sono la più famosa band della scena musicale mondiale e infransero i record di vendite discografiche in Europa, come dimostrò L’album “Uprising” del 1980, entrando in ogni classifica europea. La salute di Bob però in quel periodo peggiorò e durante un concerto a New York quasi svenne, circostanza che si verificò la mattina dopo (il 21 Settembre 1980) durante un’uscita per un po’ di jogging a Central Park. Alcuni giorni più tardi si scoprì che era affetto da un tumore al cervello e per i medici non gli restava più di un mese di vita. La moglie Rita Marley da questo episodio espresse l’idea di annullare il tour, ma lo stesso Bob insistette per continuare. Così il 23 settembre tenne un meraviglioso concerto a Pittsburgh dal titolo “Live for ever”,

prima dell’annullamento definitivo del tour che lo impegnava in giro per gli Stati Uniti. In questo periodo si completò il suo percorso spirituale; infatti egli fu trasportato a Miami, dove fu battezzato Berhane Selassie nella Chiesa cristiana Ortodossa Etiopica il 4 novembre 1980. Cinque giorni dopo, nell’ultimo disperato tentativo di salvargli la vita, Bob venne trasferito in un centro di trattamento del cancro in Germania, dove trascorse il suo 36° compleanno. Tre mesi dopo, l’11 maggio 1981, morì in un ospedale di Miami.

@alany.it

Il suo funerale in Giamaica, tenutosi il 21 maggio 1981, potrebbe essere paragonato al funerale di un re. Centinaia di migliaia di persone (compresi il Primo Ministro ed il leader dell’opposizione) ne presero parte. Dopo la funzione il corpo fu portato al suo luogo di nascita, dove si trova tutt’ora all’interno di un mausoleo, divenuto ormai un vero e proprio luogo di pellegrinaggio per la gente di tutto il mondo.

Il roots oltre Bob

Molti, moltissimi, sono gli artisti di un certo peso che hanno contribuito in questi sei decenni alla nascita del reggae, dei suoi sottogeneri, e alla loro diffusione in tutto il mondo, denotando l’ambiente musicale reggae come uno dei più prolifici. Ma su due in particolare vorrei soffermarmi, lasciando a voi il piacere di scoprirne altri in un gioco di incontri e collaborazioni che in Giamaica è una via quasi obbligata per fare buona musica.

@google

Il primo è Peter Tosh (pseudonimo di Winston Hubert McIntosh). Nato il 19 ottobre 1944, è uno dei protagonisti assoluti per la diffusione del reggae a livello mondiale e per un certo tratto della sua carriera fu componente dei The Wailers. Dalla zona rurale ad ovest dell’isola dov’è nato, da giovane si trasferisce a Trenchtown, il ghetto della capitale Kingston. Lavora con il produttore Joe Higgs, che gli fa conoscere quelli che tra il 1965 e il 1973 saranno i suoi compagni nel gruppo The Wailers, Bob Marley e Bunny Wailer, fino allo scioglimento della band per motivi personali. Da quel momento inizia la carriera solista, che lo porta a suonare al One Love Peace Concert davanti ai principali esponenti della politica giamaicana. Nella sua carriera collabora anche con Mick Jagger dei Rolling Stones, e sarà ospite del Saturday Night Live nel 1978. Nel 1987 si aggiudica il Grammy Award come miglior album reggae con No Nuclear War.

Muore l’11 settembre di quell’anno, assassinato nella sua casa di Kingston dove si trovava con la moglie Joy e l’amico dj Jeff “Free-I” Dixon,; quando un malvivente locale, Dennis “Leppo” Lobban, irrompe con due complici per una rapina, alla richiesta di denaro Tosh si oppone e i criminali aprono il fuoco uccidendo sia il cantante che l’amico DJ.

@google

Un altro artista giamaicano di grande spessore è Gregory Isaacs; nasce a Kingston nel 1951 e negli anni ‘settanta si afferma come uno dei più prolifici e popolari cantanti di roots reggae. Ha pubblicato numerosi singoli auto-prodotti con la sua etichetta African Museum, fondata nel 1973 con Errol Dunkley. Molte produzioni di Isaacs rivelano il tema delle radici del reggae, ma era ugualmente propenso a comporre materiale rock più tradizionale. Tra i suoi brani di successo di questa produzione, ad esempio, troviamo “My Only Lover”.

La notorietà internazionale arriva alla fine degli anni settanta con canzoni come “Soon Forward”

e altri brani che spesso vengono ripubblicate in compilation di quel periodo. Poi Isaacs sottoscrisse un contratto con la Island Records, pubblicando tra gli altri l’album Night Nurse (1982), probabilmente il disco più famoso tra i suoi fan internazionali.

Dopo aver firmato vari contratti con differenti case di produzione, dal 1990 la sua etichetta African Museum ha continuato a produrre tutta la musica di Isaacs, divenendo a sua volta produttore di altri artisti. La sua carriera va avanti fino al primo decennio degli anni duemila; gravemente malato, muore di cancro ai polmoni nella sua casa a Londra il 25 ottobre 2010 all’età di 59 anni.

Ascoltando il sound di Tosh e Isaac vi renderete conto come loro rappresentano due tra le voci più significative del reggae giamaicano, contribuendo con qualità artistica e spessore musicale della loro produzione all’innalzamento degli standard musicali internazionali.

L’afroreggae di Alpha Blondy

@google

Come visto, le radici africane del popolo giamaicano e la religiosità dello stesso Bob Marley, oltre che il suo impegno per lo Zimbawe, denotano una forte presenza della cultura afro nel reggae; quindi in questa ricostruzione storica, seppur sommaria, del ritmo in levare non si può escludere una citazione del reggae di matrice africana. Un artista africano di roots reggae che amo in maniera particolare è Alpha Blondy, all’anagrafe Seydou Konè.

Primogenito di nove figli, è nato nel 1953 a Dimbokro in Costa D’Avorio. Fondò già da ragazzo il suo primo gruppo musicale: l’Atomic Vibration, ma dopo il suo trasferimento in Liberia cantò prevalentemente in inglese. Nel 1976 si trasferì negli Stati Uniti d’America dove studiò economia e commercio alla New Yorker Columbia University. La sua prima esibizione avvenne a New York con il gruppo reggae Monyaka. Successivamente, alla fine degli anni settanta egli produsse con un giamaicano sei titoli, ma quest’ultimo scomparve con i suoi nastri e Seydou ebbe un esaurimento nervoso. Dopo il suo ritorno in Africa nel 1981 venne internato dai suoi genitori in un istituto di igiene mentale. Nel 1982 incise insieme ad alcuni musicisti del Ghana il suo primo album, Jah Glory, grazie al quale vinse tre dischi d’oro e nel 1985 si esibì per la prima volta in Europa. La sua musica può essere definita appartenente al genere Afro-Reggae, con evidenti influenze africane, europee e caraibiche. I suoi lavori si orientano sempre verso il Roots. L’album Jerusalem rappresenta una pietra miliare della sua carriera musicale.

Alpha Blondy canta i suoi testi in ebraico, inglese, francese, arabo e in alcuni dialetti dell’Africa Occidentale (come il baolé ed il dioula). Un esempio ne è questo brano molto bello, una preghiera in dialetto africano.

Come artista si distingue per il suo impegno religioso ed umanitario e promuove l’unità dei tre monoteismi: ebraismo, cristianesimo ed islam, come testimonia il fatto che durante i suoi tour egli porta con sé la stella di Davide, una Bibbia e il Corano. Alpha Blondy ha avuto anche un’esperienza cinematografica nel 1988, comparendo nel film Les Guérisseurs (I guaritori) del regista suo connazionale Sidiki Bakaba, dove si racconta la società africana attraverso la piaga dell’usura. Il reggae-man africano ha prodotto l’ultimo album nel 2018 ed è ancora in attività.

E in Italia?

Il reggae ovviamente ha visto un suo movimento anche in Italia, Dove in più di trent’anni, forse anche quasi 40, decine e decine di gruppi e singoli artisti hanno percorso tutti i generi ed i sottogeneri del ritmo in levare, con produzioni artistiche di altissima qualità ed esempi di musicisti che hanno conquistato la scena internazionale. Ma avendo lanciato sin troppi stimoli musicali ed una quantità, lo riconosco, impressionante di informazioni, e perché la scena reggae nel nostro paese non esca troppo ridimensionata, occorre uno spazio d’approfondimento dedicato, che potete leggere Qui.

Nota bene: Per le parti riferite al movimento internazionale della musica reggae, non volendo ulteriormente allungare un articolo già ricco di contenuti, ho fatto delle annotazioni che potrai leggere Qui.

Arrivati a questo punto non ho null’altro da aggiungere se non l’augurio di buon ascolto e Peace and love a voi tutti!

Categorie:La Musica che gira intorno

Tagged as:

Alessandro Napoli

Libero e con l’aspirazione viva di appassionare ai temi trattati con un dirompente fiume di parole, frutto del pallino per la comunicazione scritta.
Redattore e sostenitore di www.radio32.net scrivo per il webmagazine www.sinapsimag.it

4 replies

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: